lombardia

212 contagiati dal Coronavirus in Lombardia, 6 i morti.

Salgono a 212 il numero delle persone positive al coronavirus nella regione Lombardia, nel 70% dei casi si tratta di uomini, nel 30% di donne. In totale ci sono per adesso sei decessi.  La provincia di Lodi appare la più interessata dal fenomeno con 101 casi, seguita da Cremona con 39, Pavia con 17, Bergamo con 14 e Milano con 3, Sondrio con 1. Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione, ha spiegato  che oltre il 50% dei pazienti contagiati sta vivendo a casa, perché senza sintomi, e il 40% è in ospedale sotto controllo dei medici. “Soltanto 21 persone hanno una situazione particolarmente critica e compromessa”.

Nel frattempo il problema del CoViD-19 diventa politico: infatti, dopo un primo momento di collaborazione tra Governo e Regione Lombardia, i rapporti tra i due si sono fatti molto tesi. Ad iniziare la discussione sarebbe stato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che, questa mattina, avrebbe denunciato, a microfoni accesi, che un ospedale lombardo non avrebbe rispettato i protocolli di sicurezza previsti. La risposta del Presidente Attilio Fontana non si è fatta attendere: “Peccato che noi abbiamo seguito, purtroppo – ha sottolineato – i protocolli che ci venivano dati dal Governo. Se avessimo fatto quello che noi come governatori proponevamo, le cose non sarebbero andate così. Io sono stato zitto finora, ho accettato che si tacesse, pero’ se accusano il sistema sanitario lombardo, allora non posso più tacere. Noi avevamo proposto un mese prima che scoppiasse l’epidemia di essere messi nelle condizioni di aumentare i controlli, di mettere in quarantena tutti gli studenti che rientravano dalla Cina. Siamo stati accusati di essere razzisti, di voler diffondere il panico. Il presidente del Consiglio disse in quell’occasione ‘fidatevi di me, ci penso io’. Allora ora non può dire che siamo noi i responsabili”.